Amsterdam, Amsterdam dinner, Amsterdam Lunch, Amsterdam travel, EAT
Leave a Comment

RON GASTROBAR: BEST DINNER IN AMSTERDAM

Vi ho parlato della colazione e del pranzo ad amsterdam, proprio qua, ma che dire quando si tratta di cena? Mangiare bene ad Amsterdam non è facile, la cultura olandese e quindi anche i loro sapori sono molto diversi dai nostri. La prima sera sono stata in un ristorante toericamente stellato, ma credetemi se vi dico che per mangiare 4 portate ci abbiamo messo 5 ore! Per fortuna ci siamo rifatti la sera dopo andando da Ron Gastrobar. Anch’esso stellato, scelto un po’ a caso tra i vari consigliati dalla guida Michelin. Un locale molto ampio, tutt’altro che silenzioso e intimo, ma con tanti coperti, spazioso, luci soffuse e brusio di sottofondo. L’atmosfera è dunque molto easy, piuttosto diversa da quella che si respira nei nostri stellati, non a caso, sul loro sito, compaiono subito queste frasi: “An accessible restaurant where enjoying comes first.”, “There are no rules, everything is possible, you are king.” e “Eating at top level in an amazing atmosphere for any budget.”. Giusto per darvi un’idea del mood del locale. Siamo stati accompagnati ad un tavolino tondo di marmo e abbiamo aspettato che la cameriera ci portasse il menù, fatto come un giornale da sfogliare. Tutti i piatti costano 15 euro e c’è l’imbarazzo della scelta. Ricette ricche di ingredienti ma al tempo stesso semplici nel loro essere. Decidiamo di iniziare con dei piccoli tacos con guacamole, solo dopo aver divorato (come sempre) il cestino del pane, servito con del delizioso burro con bacon soffiato. Proseguiamo poi ordinando un paio di piatti a testa: il mio compagno sceglie una tartare con pesto all’aglio e senape viola e un risotto vegetariano con funghi, parmigiano e uovo accompagnato da, perché no, delle patatine fritte. Io mi butto sul foie gras: una splendida scaloppina servita su una crema di parmigiano, con barbabietola marinata e uvetta di Madeira. Che. Bontà. Mi sono leccata i baffi e ne avrei ordinato un altro identico subito dopo. Ho proseguito con del cavolfiore saltato nel burro e servito con salsa di tartufo e formaggio Pierre Robert. Assolutamente delizioso. Dulcis in fundo: l’Egg Surprise, un dolce che all’aspetto sembra un uovo adagiato sul suo nido, ma in realtà… cioccolato, mango, zucchero. Un esplosione di sapori delicati in bocca. Fatto così bene che ero incerta della combustibilità del nido! Haha. Vi consiglio assolutamente questo ristorante, a me è piaciuto davvero tanto, a partire dall’atmosfera rilassata fino ai piatti semplicemente deliziosi. Ci tornerò sicuramente!

Schermata 2016-10-27 alle 09.34.36.png

credits: Kuiper & Kuiper

schermata-2016-10-27-alle-09-43-49schermata-2016-10-27-alle-09-43-40

schermata-2016-10-27-alle-09-35-05

schermata-2016-10-27-alle-09-34-22

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s