Bergamo, Bergamo, Dinner Bergamo, EAT, Lunch Bergamo
Leave a Comment

AL BARETTO DI SAN VIGILIO

Aria fresca, sole, vino e copertina. Ha tutta l’aria di un pranzetto montanaro ma no, è il pranzo al Baretto di San Vigilio a Bergamo. Se siete stufi del freddo, della nebbia, e dello smog milanese, questo ristorantino fa al caso vostro. E’ uno dei miei preferiti, anche se ancora non ve ne avevo parlato. Io amo quei locali dove l’equilibrio tra qualità, prezzo e atmosfera è semplicemente perfetto. Quelli dove mangi piatti più o meno classici, ma con quel tocco in più che li rende diversi dagli altri, dove ti senti a casa, quelli dove vai sempre con la famiglia a fare il pranzo della domenica. Purtroppo, a Milano ho difficoltà a trovarne uno del genere, uno che possa diventare un po’ il “ristorantino del cuore”, ma per fortuna Bergamo è  a meno di un ora di macchina da qua e, in questi giorni di festa, ne ho approfittato e sono andata proprio al Baretto di San Vigilio. Non c’ero mai stata a pranzo d’inverno, solo in estate, o la sera. Mi aspettavo, dunque, di mangiare al chiuso, e invece.. sorpresa: i tavolini all’esterno erano tutti apparecchiati, illuminati da un magnifico sole e sulle sedie, delle copertine morbide e natalizie. Allora ci sediamo e la prima cosa che ci viene servita è un piccolo spritz con due olive, a seguire una crema di pisellini con gamberetti e poi via con le ordinazioni. Io scelgo una tartelletta di cardi gobbi su fonduta di taleggio al profumo di tartufo come antipasto e un risotto mantecato ai carciofi con parfait di foie gras, il mio compagno di pranzo opta per  una millefoglie salata con mozzarella e pomodori e i deliziosi casonséi, con burro e pancetta. Un must, se siete golosi, provateli, ve ne innamorerete. Sole, vino e buon cibo. Pranzare all’aperto il 27 dicembre, che cosa si può volere di più? Il dessert, ovviamente. Preceduto da un piccolo sorbetto al mandarino, a concludere il pranzetto delizioso è stato un tortino di pere e cioccolato con crema pasticciera, tiepido e soffice, come piacciono a me. Poi caffè e, rullo di tamburi, piccola pasticceria! Se mi conoscete, sapete quanto io ami la piccola pasticceria a fine pasto, perché, con una morbida mousse di cioccolato bianco e anice stellato, biscottini della casa e macarons al pistacchio, si chiude in bellezza ma soprattutto in dolcezza!

Io vi saluto e vi faccio i miei più cari auguri, ci vediamo nel 2016!
  
  

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s